Perché dovresti genitore come un videogioco

{h1}

Dall'infanzia fino agli anni del college ho amato giocare ai videogiochi: molte sere potevi trovarmi a schiacciare i pulsanti del controller mentre mi facevo strada attraverso i livelli di Super Mario Brothers e uccidevo tizi cattivi in ​​GoldenEye.


In questi giorni, come marito e padre di due bambini piccoli, non ho né il tempo né il desiderio di piantare il mio keister davanti all'ultima console. Eppure c'è un aspetto dei videogiochi che fa ancora parte della mia vita quotidiana. Mentre non lo sono più giocando un videogioco, io vita uno ... nel modo in cui genitore i miei figli.

Perché dovresti genitore come un videogioco

Il nostro figlio maggiore, Gus, compirà quattro anni in ottobre. Una delle parti più complicate della genitorialità è capire come convincere tuo figlio a fare le cose che dovrebbe fare e smetterla di fare cose fastidiose, ad es. Capricci d'ira, rispondere, scrivere sui muri, ecc. Nessuno te lo dice la genitorialità è fondamentalmente un gigantesco esperimento psicologico sulla motivazione umana. Prima che Gus arrivasse, Kate e io avevamo solo una vaga idea di come avremmo gestito il comportamento scorretto dei nostri figli, ma non era molto approfondito o, cosa più importante, testato sul campo (tutti sanno esattamente come essere un genitore fantastico ... prima che abbiano figli!).


Tutti amano darti consigli su cosa dovresti e non dovresti fare quando si tratta di genitorialità, e ci sono migliaia di libri e blog là fuori di cui questo o quell'amico andranno in estasi. Ma in realtà, i principi di una buona genitorialità sono abbastanza provati e veri e generalmente concordati. Il vero trucco è ricordarsi di implementarli quando sei quasi pronto per caricare il tuo bambino in un cannone e sparargli sulla luna.

Su quel fronte, c'è una metafora che ha aiutato me e Kate tremendamente nell'adozione di pratiche positive: genitore come un videogioco. Ho preso questa analogia dallo psicologo Howard Glasser, il quale sostiene che i principi che governano il mondo dei videogiochi sono anche molto efficaci nel convincere i tuoi figli a comportarsi bene.


Diamo un'occhiata a quali sono questi principi e come implementarli nel tuo stile genitoriale:



Stabilisci regole chiare

Quando giochi a un videogioco, sai che il pulsante A ti fa prendere a pugni, che toccare un cattivo ti ucciderà e che avrai bisogno di una certa quantità di XP prima di poter salire di livello. Conoscere le regole ti aiuta a operare con sicurezza nel panorama del gioco.


Allo stesso modo, assicurati che i tuoi figli sappiano quali sono le regole nella tua famiglia. Uno studio condotto nel 1967 da Stanley Coopersmith ha mostrato che i genitori che davano ai loro figli il maggior numero di regole e limiti avevano figli con la massima autostima, mentre quelli che davano più libertà avevano figli con la più bassa autostima. I bambini vogliono limiti e sono essenziali per un sano progresso.

Mantieni le tue regole chiare e semplici, proprio come in un videogioco: l'ingresso A ti dà l'output B. Ogni. Single. Tempo. Dare a tuo figlio limiti, ricompense e disciplina coerenti è una delle chiavi per aiutarli a sviluppare un 'locus of control interno'. Le persone con un locus of control interno credono che facendo A, possono ottenere B - vedono una correlazione tra azione e conseguenze contro credere nella fortuna cieca o che il mondo è fuori per ottenerli. Mostra ai tuoi figli che un buon comportamento porta alla ricompensa, un cattivo comportamento porta alla punizione.


Prometti una ricompensa per un risultato e dallo a tuo figlio se e solo se lo ottiene. Stabilisci una regola e una punizione e, se la regola viene infranta, segui l'esatta punizione promessa. La genitorialità coerente radica questo tipo di connessioni nella mente di tuo figlio e rafforza la sua fiducia e resilienza.

Quando violano una regola, informali che l'hanno fatto e inizia il 'ripristino':


Problema 'Ripristini' brevi e coerenti per comportamento scorretto

Papà che manda il bambino all

In Super Mario Bros., se Mario tocca un Goomba, muore e deve ricominciare dall'inizio. Non ci sono avvertimenti o si contano fino a tre o si contratta con il Goomba sulla morte o meno di Mario. Mario non viene istruito su come non dovrebbe toccare gli ignari Goomba, né gli viene chiesto perché non stava prestando attenzione. Alla fine, Mario ha toccato il Goomba, quindi deve tornare all'inizio. Ecco, questa è la regola.


Inoltre, i Goomba rimangono spassionati quando dispensano la loro punizione. Certo, sembrano sempre scontrosi (saresti scontroso anche tu se fossi un fungo) ma non diventano più scontrosi quando Mario muore. Continuano a mescolare avanti e indietro, praticamente come se non fosse successo nulla.

Anche la conseguenza per aver toccato un Goomba è di breve durata. Mario vola in aria e suona la musica tipica di “Mario Dies”. Ma poi stai immediatamente giocando di nuovo. Non vieni mandato a un livello di prigione in cui devi guardare Mario stare in una cella di prigione per 10 minuti prima di poter saltare di nuovo nella mischia.

Le conseguenze per il comportamento scorretto di tuo figlio dovrebbero essere altrettanto coerenti, spassionate e rapide. Glasser sostiene che quando ci impegniamo in lezioni accese e in lusinghe arrabbiate dopo che i nostri figli hanno sbagliato, li stiamo semplicemente 'ricompensando' con la nostra energia e attenzione - due cose che tutti i bambini vogliono dai loro genitori. La forma che prende l'attenzione non è importante per loro quanto il fatto che la stanno ricevendo - punto. Come osserva astutamente Glasser, 'nessuno darebbe intenzionalmente a un bambino cento dollari per aver infranto una regola, ma lo facciamo inavvertitamente per tutto il tempo dando ai bambini il 'dono di noi' mentre distribuiamo le conseguenze'.

Anziché, quando i tuoi figli infrangono una regola, la conseguenza dovrebbe intervenire immediatamente senza un mucchio di preliminari avanti e indietro e clamore emotivo. Non dare loro un avvertimento e non negoziare con loro. Emetti semplicemente le conseguenze, che si tratti di un time-out o di togliere tempo sullo schermo o di aggiungere un lavoro di routine alla loro routine. Glasser sostiene che qualsiasi conseguenza che tolga temporaneamente le opzioni al bambino e lo privi della tua attenzione può essere efficace.

Quando consegni la conseguenza, fallo spassionatamente. Non arrabbiarti e non alzare la voce e iniziare a tenere lezioni o chiedere perché avrebbero fatto una cosa del genere. E non criticare mai il loro carattere ('Sei così cattivo!'), Ma solo il loro comportamento ('Non lanciamo blocchi in questa casa'). Farli sentire come se il loro carattere fosse intrinsecamente imperfetto induce solo passività e disperazione. Il cattivo comportamento, d'altra parte, è temporaneo e può lavorare per superare. Nel modo più neutro e privo di emozioni possibile, dì semplicemente qualcosa come 'Uh oh, stai facendo i capricci. Hai infranto una regola. Vai nella tua stanza per calmarti e resta lì finché non ti trovo. '

Oltre a rimanere completamente calmo mentre emetti una conseguenza, ricorda di mantenere le punizioni il più coerenti possibile sia nei tempi che nella gravità. Ricorda, l'ingresso A ottiene l'output B. Ogni volta che lanciano un blocco, li mandi tranquillamente in timeout. Non lasciare che il tuo umore determini la punizione, in modo che quando sei stanco e non vuoi affrontarlo, lasci semplicemente scorrere l'infrazione e quando sei irritato, la sfoghi completamente. Ogni volta che infrangono una certa regola, ottengono lo stesso tono di risposta spassionato e la stessa punizione. Vedere? Questo è ciò che accade quando tocchi un Goomba.

È anche importante rendere breve il timeout, o 'ripristino', proprio come nei videogiochi. Non vuoi sequestrare tuo figlio nella loro stanza per venti minuti solo per farli lanciare libri dagli scaffali e rotolarsi per terra urlando come una banshee per tutto il tempo. Lo scopo del ripristino è quello di convincere i bambini a interrompere qualsiasi comportamento inappropriato che stanno facendo e quindi riportarli al 'gioco' il prima possibile in modo che possano ottenere un rinforzo positivo per comportarsi bene. I timeout non funzionano a meno che i bambini non abbiano tempoins, che ci porta a ...

Crea un gioco ricco e gratificante

Papà che dà l

Nei videogiochi, non importa quanto muori e vieni rimandato all'inizio, vuoi comunque continuare a giocare perché il gioco è così divertente e gratificante. Ricevi costantemente feedback e premi per il completamento di determinate attività. Calpesta un Goomba e ottieni 100 punti; uccidi un cattivo in Final Fantasy, guadagna XP; sconfiggi un Big Boss in Zelda, ottieni un pezzo della Triforce. Il videogioco è pronto e in attesa di ricompensarti con monete, XP o nuove armi non appena farai qualcosa che li giustifichi.

Ogni volta che sperimentiamo una ricompensa in un videogioco, il nostro cervello viene colpito da un po 'di dopamina che 1) ci fa sentire bene e 2) ricollega il nostro cervello per motivarci a continuare a fare quello che stiamo facendo. Il modo in cui i videogiochi stimolano la nostra produzione di dopamina fa parte di ciò che li rende così apparentemente avvincenti. I ripristini nei videogiochi dovuti alla morte o al mancato completamento di un livello in tempo ti rendono solo più motivato a tornare in gioco e ottenere altri colpi di quella dopamina piacevole.

Così con i bambini, Glasser lo sostiene la chiave per far funzionare i time-out è che devi rendere il 'time-in' o il 'game play' ricco e gratificante dando ai tuoi figli energia positiva e attenzione per la roba buona stanno facendo (o le cose brutte che stanno facendo non facendo). 'Se il bambino percepisce che non c'è nulla che valga la pena perdere, qual è la motivazione per voler rimanere in gioco?' lui chiede.

Creare un gioco ricco e gratificante per i nostri fanatici può essere piuttosto difficile. A differenza dei videogiochi programmati per ricompensarti ogni volta che svolgi un determinato compito, a noi padri umani manca l'onnipresenza di elogiare ogni cosa buona che fa il nostro bambino.

L'altra cosa che rende difficile creare un gioco ricco e gratificante è che il semplice atto di mostrare apprezzamento è difficile, specialmente quando cerchi di elogiare i tuoi figli per il cattivo comportamento da cui sono riusciti ad astenersi. Le nostre menti si sono evolute con un pregiudizio di negatività in modo che le 'cose ​​cattive' suonino allarmi nel nostro cervello mentre le 'cose ​​buone' difficilmente si registrano. Quindi ci vuole un lavoro intenzionale per ricordarsi di sottolineare e lodare il tuo bambino quando lui non lo è fare i capricci di fronte a una situazione potenzialmente frustrante.

Ma questo sforzo ripaga. Glasser e altri ricercatori lo sottolineano il feedback positivo è più efficace del feedback negativo nell'insegnare ai bambini un comportamento appropriato. Tanto quanto puoi mirare a 'catturare' i tuoi figli facendo qualcosa di buono. Indica e loda anche le azioni più banali. Se tua figlia raccoglie i suoi giocattoli senza chiederglielo, digli qualcosa come: 'Jill, è stato fantastico come hai raccolto i tuoi giocattoli. Mi ha mostrato quanto sei premuroso e quanto sei un valido aiuto. '

Altrettanto importante, fai notare e mostra apprezzamento quando il tuo ragazzo non sta facendo qualcosa che non dovrebbe fare. Ad esempio, se tuo figlio di solito fa i capricci quando gli dici che è ora di andare a letto, ma questa volta si dirige nella sua stanza senza sbirciare, dì: 'Brian, apprezzo come hai iniziato a prepararti per andare a letto non appena come ti ho detto. È un modo per mantenere la calma, amico. ' Ding! Tuo figlio ha appena calpestato un Goomba.

Se è seduto in chiesa e si tiene occupato in silenzio, dì: 'Sam, buon lavoro restare calmo e calmo durante la chiesa. So che a volte può essere difficile farlo. ' BAM! Il tuo ragazzo ha appena guadagnato 1000XP ed è sulla buona strada per salire di livello per diventare un adulto ben adattato.

So che c'è una corrente nella nostra cultura che dice che i bambini sono troppo elogiati e che questo coccolare li trasforma in marmocchi autorizzati. C'è del vero in questo, ma ecco la differenza fondamentale: con questo metodo genitoriale, lo sei non ricompensandoli per niente, o solo per essere. Li lodi per cose buone, piccole e tangibili in realtà fare. Non li trasforma in stronzi viziati; crea un percorso neurale in cui continuano a voler fare le cose giuste ancora e ancora.

Rimani nel momento

I videogiochi non nutrono rancore per gli errori passati né si siedono in giro aspettando che sbaglierai in futuro. I videogiochi sono presenti al momento; ogni partita è un nuovo inizio in cui le insidie ​​da evitare sono esattamente le stesse e il giocatore ha esattamente le stesse possibilità di guadagnare ricompense come fa sempre.

Non fare i capricci che tuo figlio ha fatto ieri sopra la testa oggi, né trattare tuo figlio come se avesse già commesso un peccatuccio anche quando non l'ha fatto. Continua a distribuire ripristini spassionati e ricompense coerenti.

Conclusione

Regole chiare e punizioni coerenti rafforzano la resilienza dei bambini perché sanno esattamente cosa aspettarsi. Fare A li porterà sempre a B, nel bene e nel male. Sanno di poter scegliere il loro comportamento, ma non possono scegliere le conseguenze invariabili. E il rinforzo positivo li motiva a scegliere più spesso un comportamento buono rispetto a quello cattivo. Questo non è un consiglio rivoluzionario, ma l'analogia con i videogiochi si è dimostrata onestamente incredibilmente efficace nell'aiutarci entrambi a ricordare di implementare questi principi provati e veri su base quotidiana. In realtà è diventato un po 'un gioco per noi, nel vedere quanto possiamo rimanere calmi e composti mentre emettiamo conseguenze, e quanto spesso riusciamo a sorprendere Gus a fare qualcosa di buono.

Finora questa metodologia genitoriale sembra funzionare alla grande. Questo non vuol dire che Gus sia il modello di un bambino ben educato. Ha i suoi momenti, ma per la maggior parte è un bravo ragazzo. I nostri momenti di svago sono in gran parte calmi, piacevoli e molto divertenti. Ovviamente è arroganza pensare che solo perché tuo figlio sta bene ora, continuerà a rimanere sulla strada giusta man mano che crescerà. Nessun genitore sa cosa accadrà nel tempo e non posso rivendicare l'efficacia a lungo termine di questo metodo. Posso solo dire che per ora questo approccio è stato molto efficace per lui e ci ha fornito un quadro accessibile e utile per guidare le nostre decisioni genitoriali, invece di farlo volenti o nolenti.

Quindi, quando si tratta di genitorialità, piuttosto che sfruttare il tuo dottor Spock interiore, considera di attingere al tuo dottor Mario interiore. Ora, se ci fosse solo un codice Konami per il vasino ...