Quando portare il tuo bambino dal dottore

{h1}

Essere un nuovo genitore è uno dei ruoli più stressanti che si sperimentano nella propria vita. In mezzo al non dormire, apprendere un set di competenze completamente nuovo (cambio del pannolino, vestirsi su un blob indifeso, ecc.) E riprendersi fisicamente / mentalmente dalla follia che è il parto (per la mamma in particolare, ovviamente, ma anche per papà), devi anche semplicemente preoccuparti della salute del tuo piccolo uno. Sebbene i bambini siano creature resistenti, i genitori spesso hanno pochissimi indizi su cosa stia realmente accadendo. Nei bambini più grandi e verbali, il pianto è un indicatore ovvio e spesso possono semplicemente dirti quando qualcosa fa veramente male o non si sente bene. Il bambino non verbale, che piange costantemente, tuttavia, non è altrettanto utile.


In assenza di un feedback chiaro, può essere difficile sapere se il tuo bambino soffre di un disturbo e se è abbastanza grave o meno da giustificare un viaggio dal medico. Ti chiedi se valga forse la pena interferire con il sonno del tuo bambino e possibilmente esporlo a più germi nello studio del medico, mentre soppesando, ammettiamolo, la seccatura che una visita del genere incorrerà anche in te. I loro sintomi devono essere esaminati da un professionista o va bene trattenersi e tenere d'occhio le cose?

Per aiutarti ad alleviare alcune delle tue preoccupazioni e aiutarti a decidere cosa fare, diamo un'occhiata ad alcuni pratici suggerimenti e linee guida su come sapere quando il tuo bambino dovrebbe essere portato dal medico anziché aspettare le cose a casa.


Nota preliminare n. 1: utilizzare nuovi servizi di posta elettronica / telefono

Come nota preliminare, assicurati di fare subito dei compiti e chiedi al tuo medico se puoi inviargli un'e-mail, chat video o chiamare con domande. Al giorno d'oggi, molti fornitori preferiscono di gran lunga che tu li chiami o addirittura invii prima un'e-mail (attraverso un portale specializzato per i pazienti, non il loro indirizzo gmail personale) e potenzialmente risparmierebbe il tempo e la seccatura, da entrambe le parti, di un appuntamento di 45 minuti che inevitabilmente corre include i tragitti da e per. Alcuni studi e medici offrono persino la possibilità di videochattare fuori orario se hai domande urgenti. Quindi, piuttosto che portare tuo figlio in un pronto soccorso o fissare un appuntamento urgente, controlla prima con l'ufficio del pediatra come fare domande senza / prima di entrare.

Nota preliminare n. 2: il valore della tranquillità

A volte può essere difficile valutare se tuo figlio manifesta o meno i sintomi elencati di seguito. Il tuo bambino ha difficoltà a respirare o sta solo russando e sibilando che non è raro nei neonati? Anche se sai di essere leggermente irrazionale nelle tue preoccupazioni, a volte vale sicuramente la pena chiamare il dottore semplicemente per la tua tranquillità. Essere genitori è difficile, soprattutto quando è il primo; non ho remore a farlo. Potresti intuitivamente sapere che tuo figlio sta bene, ma è utile per un professionista medico confermare la tua intuizione. Imparerai a fidarti meglio del tuo giudizio nel tempo e nel frattempo ai medici va bene offrire un'affermazione positiva.


Vale a dire, se stressato e in dubbio, chiama o visita il tuo medico!



Di seguito è riportato ciò che vedrai consigliare dai medici per vari sintomi; Ho messo le mie esperienze genitoriali in alcuni posti. Queste opinioni sono, ovviamente, aneddotiche e completamente informate dal punto di vista medico.


Raffreddore / tosse

  • Se il bambino ha rifiutato più poppate di seguito e / o non bagna un pannolino almeno ogni 6 ore circa, chiama il dottore.
  • Se il bambino ha una tosse forte e consistente che non scompare per 72 ore, chiama il dottore. Fallo anche se la tosse è così forte da far vomitare il tuo bambino. (Esperienza personale qui: se il bambino tossisce e si fa vomitare come un incidente singolare e se non ci sono altri sintomi - sta dormendo, respira e mangia bene - probabilmente va bene e non garantisce un viaggio al doc.)
  • Una tosse che suona più come una corteccia potrebbe essere la groppa. Potresti essere tentato di chiamare il dottore, e va bene, ma generalmente può essere aiutato con alcuni rimedi casalinghi: apri una doccia calda e siediti insieme nel bagno fumante; portalo fuori se fa freddo per chiarire le cose; stare davanti al frigorifero / congelatore per alcuni minuti. (Usa il buon senso con questi, ovviamente.)

Febbri

  • Se il bambino ha meno di 3 mesi, chiama il dottore una volta che la febbre raggiunge 100,4 o più. Se è inferiore a quello, ma ancora elevato e accompagnato da altri sintomi come vomito e sonnolenza estrema, chiama il dottore.
  • Tra 3-6 mesi, chiamare a 102 o superiore, o se la febbre è prolungata, dura più di 3 giorni (72 ore). (Esperienza personale: prova prima il Tylenol dei bambini (solo se il bambino ha più di 2 mesi), e se la febbre si abbassa probabilmente stai bene e devi solo aspettare. La febbre aumenta e diminuisce durante il corso di una malattia ; è quando sale e rimane su, che devi essere preoccupato.)
  • Tra 6-24 mesi, chiama se la febbre alta è durata più di 24 ore senza altri sintomi (non c'è un numero reale impostato qui, ma di solito significa 102-104). Se una febbre più bassa è accompagnata da altri sintomi, chiamare quando necessario in base alla gravità di tali sintomi.

L'eccezione per tutti questi è se il tuo bambino ha recentemente ricevuto iniezioni o sta mettendo i denti. È normale per loro avere un po 'di febbre nelle 36 ore successive alle vaccinazioni e anche mentre stanno ottenendo nuovi denti. Questo tipo di febbre, tuttavia, non dovrebbe superare i 101 gradi.

Vomito

  • Se il vomito è un incidente singolare, o anche solo poche volte, non c'è bisogno di preoccuparsi o chiamare subito il dottore. Potrebbe essere un bug veloce. Se si ripete, tuttavia, il tuo bambino sembra disidratato (piange con meno lacrime, è pigro, sembra avere la bocca secca e / o il punto debole appare infossato) e non può tenere nulla per più di 8 ore, allora è il momento chiamare.
  • Se il tuo bambino vomita sangue o un proiettile verde / giallo, chiama il dottore.

Eruzioni cutanee

  • Le eruzioni cutanee generalmente non sono qualcosa di cui preoccuparsi, a meno che non spariscano dopo 1-2 giorni, sembrino dolorose e / o siano accompagnate da febbre. Se questi altri fattori non sono presenti, prova un topico da banco dopo circa un giorno e poi sentiti libero di chiamare il dottore. (Esperienza personale: nostro figlio ha sofferto di eruzioni cutanee da bambino, ma lo abbiamo portato dal dottore solo una volta, quando non è andato via e in effetti è diventato più grande dopo circa un giorno e mezzo. Altre eruzioni cutanee, arginate da qualcosa che non abbiamo mai capito, in qualche modo si è ridotto e cresciuto nel corso di un paio di giorni, chiaramente non era doloroso e alla fine è andato via da solo.)
  • Puoi anche premere un po 'sull'eruzione cutanea e se il colore scompare e ritorna rapidamente, molto probabilmente sei in chiaro. Se l'eruzione cutanea è piccola, punti rossi piatti in cui il colore non scompare, chiamare il medico, poiché potrebbe essere una pericolosa infezione da meningite.

Altri problemi

  • Mal d'orecchie. Difficile da valutare, ovviamente, ma se un pianto costante è associato a un bambino che si tira l'orecchio e non si nutre, potrebbero avere un'infezione all'orecchio. Chiama il dottore.
  • Problemi di respirazione. Se il tuo bambino sembra avere un respiro sibilante o generalmente ha problemi di respirazione, chiama subito il dottore.
  • Sembra blu. Se il bambino sembra blu, specialmente intorno alle estremità e alle labbra, chiama il dottore. (Esperienza personale: questa è davvero difficile da valutare; le labbra possono diventare un po 'blu quando il bambino ha freddo, o semplicemente sentirsi un po' fuori. Prova prima un bagno caldo e una poppata, e se non funziona, chiama il doc.)
  • Bump sulla testa. Questi sono sempre spaventosi, ma generalmente appaiono peggio di quello che sono in realtà. Se il bambino vomita dopo aver sbattuto la testa o sembra del tutto disorientato (lo so, è una cosa difficile da dire in un bambino!), Chiama il dottore.
  • Occhio rosa. Con gli occhi appiccicosi o croccanti, non è necessario chiamare il dottore per almeno 1-2 giorni. (Esperienza personale: nostro figlio una volta ha avuto gli occhi rosa per circa 4 giorni. Non l'abbiamo mai portato dal dottore ed è andato via da solo. Ci sono due tipi di occhi rosa - virali e batterici - e non c'è modo di sapere quale tuo figlio lo ha, anche per un medico. Quindi, se entri e ti viene somministrato un antibatterico, potrebbe non fare nulla e ti preoccuperai di più. La mia vera raccomandazione dei genitori è di darlo quasi una settimana prima di chiamare. )

Quando chiami o vai dal dottore, sii preparato

È davvero facile essere esausti quando hai un bambino esigente che chiaramente non si sente bene. Sappi, però, che il dottore o l'infermiere faranno una serie di domande all'inizio per cercare di avere un'idea di cosa sta succedendo. Vuoi essere in grado di dare risposte chiare, quindi aspettati una qualche forma delle seguenti domande:


  • Sintomi. Perché hai chiamato / entrato? Cosa ti preoccupa, nello specifico?
  • Storia medica. Allergie conosciute? Farmaci attuali? Rimedi casalinghi? Il tuo bambino è aggiornato sui suoi scatti? Soprattutto se il bambino ha meno di 3 mesi, essere in grado di dettagliare anche lo stato di salute della gravidanza e del parto.
  • Alimentazione e pannolini. Eventuali modifiche ai modelli di alimentazione del bambino? I pannolini bagnati / sporchi sono coerenti?
  • Temp. Se vai nell'ufficio del dottore, prenderanno la temperatura del bambino (spesso per via rettale a 3 mesi o meno), ma ti chiederanno com'è stata la temperatura nelle ultime 24 ore circa. Se sei solo al telefono, ti chiederanno informazioni sulla temperatura attuale del bambino e sulla storia.
  • Esposizioni. Il bambino è stato esposto a malattie? A casa, all'asilo nido, in aereo, ecc.? Se si tratta di un'eruzione cutanea, chiederanno informazioni su nuovi alimenti o detergenti a cui potrebbero essere stati esposti.