Vuoi entrare nel jazz? Ascolta prima questi 10 album

{h1}


La musica jazz ha una storia interessante e un'etica affascinante e multiforme. Ma anche senza conoscere tutto quel contesto e background, le persone sentono istintivamente che è semplicemente fantastico.

Dato che la maggior parte di noi vorrebbe essere un po 'più cool, molte persone vorrebbero entrare di più nella musica jazz. Ma non sanno davvero da dove cominciare.


Se cerchi su Google 'musica jazz per principianti', verranno fuori una miriade di elenchi di album e brani jazz che gli aspiranti appassionati potranno provare.

Ma ecco il problema: molte di queste liste diventano troppo alte per un principiante. Presentano canzoni e album che sono ricchi di tecnicità e abilità artistica ma non sono molto accessibili per qualcuno che ha appena iniziato ad ascoltare jazz.


Per aiutarmi a mettere insieme un vero elenco di album jazz per principianti, ho contattato due appassionati di jazz professionisti che conosco, entrambi che vivono nella Bay Area. Il primo è un amico, manager jazz e membro del consiglio di Jazz vivente, Charles Brack. Il secondo è Michelle Hawkins, cantante jazz, direttore di coro jazz, professore di musica allo Skyline College e corrispondente musicale al Grandi libri in linea podcast.



La combinazione di queste due fonti è in realtà piuttosto, beh, jazz. È come un duetto di chiamata e risposta tra Louis ed Ella (entrambi consigliati da Charles e Michelle).


Tutti questi album sono altamente accessibili per qualcuno che è abituato ad ascoltare solo musica pop. Michelle si è concentrata su album che sono principalmente melodici e hanno semplici improvvisazioni facili da seguire. Charles ha scelto album che, nelle sue parole, semplicemente 'oscillano'. Entrambi gli album selezionati da iconici musicisti jazz da una vasta gamma di sottogeneri jazz, in modo da avere una bella panoramica delle diverse dimensioni di questa ricca musica.

Senza ulteriori indugi, ecco 10 album jazz per principianti.


Ellington a Newport di Duke Ellington (1956)

Ellington a Newport di Duke Ellington.
“Duke Ellington è uno dei re originali dello swing dell'era delle Big Band nel jazz. Ellington a Newport è il più noto e rivitalizzato di Duke nella sua debole carriera alla fine degli anni '50. È anche considerata una delle più grandi esibizioni jazz di sempre. Questo album è una fantastica introduzione alla musica da big band. Oscilla davvero. ' —Charles

Ella e Louis ancora di Ella Fitzgerald e Louis Armstrong (1957)

Ella e Louis Again di Ella Fitzgerald e Louis Armstrong per la copertina del libro.


'Questo album è servito come preludio a uno degli album più famosi del jazz, Porgy & Bess, che è stato registrato subito dopo. È pieno di famosi standard jazz e i due artisti sono supportati da un'incredibile squadra di musicisti: Oscar Peterson (piano), Ray Brown (basso), Herb Ellis (chitarra) e Buddy Rich (batteria) '. —Charles

'In questo album, dai un'occhiata a 'Love is Here to Stay'. Louis Armstrong ed Ella Fitzgerald hanno una conversazione giocosa usando la famosa melodia di Gershwin. Attraverso l'iconica voce roca di Armstrong, il suono esperto della tromba e la voce agile e cadenzata di Fitzgerald, sentirai entrambi gli artisti che ascoltano attivamente e rispondono melodicamente l'uno all'altro '. —Michelle


Treno blu di John Coltrane (1958)

Copertina del libro di Blue Train di John Coltrane.

“Semplicemente iconico. La registrazione essenziale che ha stabilito Coltrane con un suono tutto suo. Coltrane è il mio artista preferito di tutti i tempi, e sebbene questo non sia il mio preferito (PER Amore supremo e Vivi al Village Vanguard siamo), Treno blu è quello per i principianti. ' —Charles

Ritratto in Jazz di Bill Evans Trio (1960)

Copertina del libro di Portrait in Jazz di Bill Evans Trio.

“Ritratto in Jazz è una deliziosa introduzione all'arte del trio con pianoforte, il piccolo ensemble più intimo del jazz. Composto solo da pianoforte, basso e batteria, ogni membro del trio ha la stessa importanza. Ascolta le interazioni dinamiche tra tutti e tre i musicisti. Gli eventi che potrebbero sembrare programmati in anticipo sono spesso solo il risultato di un ascolto intenso e di reazioni rapide da parte di tutti e tre '. —Michelle

Jazz alla Massey Hall dal Quintetto (1953)

Prenota Jazz at Massey Hall del Quintetto.

'Il Quintetto era un supergruppo jazz moderno che si è formato appositamente per un concerto una tantum in Canada, alla Massey Hall di Toronto, il 15 maggio 1953. Era l'unica volta che il sassofonista contralto Charlie Parker, il trombettista Dizzy Gillespie, il pianista Bud Powell, il bassista Charles Mingus e il batterista Max Roach hanno suonato insieme come gruppo (è stata anche l'ultima volta che Parker e Gillespie sono stati registrati insieme su nastro). ' —Charles

Tipo di blu di Miles Davis (1959)

Copertina del libro Kind of Blue di Miles Davis.

“Probabilmente l'album jazz più iconico in circolazione - bestseller e meritatamente. Miles Davis guida un gruppo di musicisti di grande talento in questo album, tra cui John Coltrane, Cannonball Adderley e Bill Evans. Molto materiale scritto su questo album è disponibile online '. —Charles

'C'è un motivo per cui Tipo di blu, di Miles Davis, è l'album jazz più venduto di tutti i tempi. Ogni volta che lo ascolti, sentirai qualcosa di nuovo che non avevi notato prima. Sembra sempre fresco. Le improvvisazioni liriche (melodiche) di Miles sono lente e facili da seguire. Ma se sei disposto, ti condurranno in un viaggio attraverso la mente di un'altra persona. Stai ascoltando lo svolgersi dei pensieri e delle idee di qualcuno, in tempo reale. ' —Michelle

Re dei tenori di Ben Webster (1954)

Copertina del libro del re dei tenori di Ben Webster.

“I suonatori di corno spesso vogliono suonare più come cantanti e i cantanti vogliono suonare più come suonatori di corno. Puoi vedere un suonatore di corno che suona come un cantante su Ben Webster Re dei tenori. Dai un'occhiata a 'Tenderly' su questo album. Il suo vibrato e il suo respiro alla fine delle frasi imitano gli stili dei cantanti popolari del giorno. Il suo modo di trattare la melodia è così intimo e personale che non puoi resistere a essere coinvolto nella sua storia. ' —Michelle

Qualcos'altro di Cannonball Adderley (1958)

Copertina del libro di Something Else di Cannonball Adderley.

“Facilmente uno dei miei album preferiti di tutti i tempi. Julian 'Cannonball' Adderley, sassofonista contralto di Tampa, in Florida, era inizialmente considerato l'erede di Charlie Parker. Tuttavia, ha trovato la sua voce personale sul suo strumento, come questo album del 1958 - la sua unica uscita con la nota blu - chiaramente illustrato. Cannonball, che all'epoca suonava nel sestetto di Miles Davis (e avrebbe continuato a registrare l'iconico Tipo di blu con il trombettista un anno dopo), riuscì a coinvolgere il suo capo nelle sessioni. Miles appariva raramente come sideman dopo il 1955, ma brilla in un quintetto di fronte a Cannonball usando un corno smorzato nei brani 'Autumn Leaves' e 'Love For Sale'. 'Charles

Golden Hits! di Sarah Vaughan (1958)

Copertina del libro di Golden Hits! di Sarah Vaughan.

“Per un esempio di un cantante jazz che cerca di suonare come un suonatore di corno, dai un'occhiata a Sarah Vaughan. Il suo fraseggio melodico è influenzato dalla raffinatezza armonica e dalla libertà di espressione usate dai fiati. L'interpretazione della sua cantante di 'Tenderly' in questo album è superba. ' —Michelle

Il blues e la verità astratta di Oliver Nelson (1961)

Copertina del libro The Blues and the Abstract Truth di Oliver Nelson.

“Oliver Nelson è uno dei compositori / cantautori più sottovalutati. Questo album presenta diversi grandi del jazz, tra cui Bill Evans, Freddie Hubbard e Roy Haynes. Il taglio più famoso di questo album è 'Stolen Moment', un classico '. —Charles