Visioni sugli obiettivi

{h1}


Un altro nuovo anno è di nuovo alle porte e milioni di persone in tutto il mondo si stanno ponendo obiettivi e risoluzioni grandi e ambiziosi (incluso il tuo veramente).

Sebbene sia stato a lungo un fan della definizione degli obiettivi, il mio ardore si è raffreddato un po '. Continuo a pensare che siano utili e continuo a impostarli, ma attraverso conversazioni con esperti di sviluppo organizzativo / personale, nonché vari libri che ho letto l'anno scorso, sono arrivato a pensare che concentrandomi pure molto sugli obiettivi può effettivamente intralciare una vita veramente fiorente.


Quindi, invece di concentrarmi sugli obiettivi quest'anno, cerco di essere di più visione-focalizzata. È un approccio che consiglierei anche di prendere. Allora qual è la differenza? Andiamo a fondo e insieme iniziamo un anno pieno di promesse e progressi.

La differenza tra obiettivi e visioni

Obiettivi

Gli obiettivi sono specifici e quantificabili. Hanno un punto finale. Una volta che hai raggiunto un obiettivo, hai finito. Gli obiettivi ci dicono COSA dobbiamo fare per ottenere il risultato desiderato.


Abbiamo tutti visto esempi di come sono gli obiettivi ideali (specifici, misurabili, raggiungibili):



  • Perderò 10 libbre entro il 29 febbraio 2016
  • Farò lo stacco da 500 libbre entro il 31 marzo 2016
  • Leggerò 30 libri entro la fine dell'anno
  • Risparmierò il 20% del mio reddito ogni mese quest'anno
  • Parteciperò a due conferenze nel mio settore entro il 31 novembre 2016
  • Scriverò 500 parole ogni giorno
  • Farò volontariato due ore ogni mese

Visioni

Una visione, d'altra parte, è un'idea ampia e onnicomprensiva di COME vuoi che la tua vita appaia, senta e sia nel futuro. Quando chiudi gli occhi e immagini la tua vita ideale, è una visione. A differenza degli obiettivi, è a tempo indeterminato. Non c'è mai un momento specifico in cui puoi dire: 'Ho raggiunto la mia visione'. È un ideale per il quale ti sforzi e potresti avvicinarti al raggiungimento, ma poiché è un ideale, non ci arriverai mai del tutto.


Le visioni sono spesso più difficili da esprimere a parole rispetto agli obiettivi perché devi descrivere un mondo che ancora non esiste. Quando metti la tua visione in parole, il risultato finale è una 'dichiarazione di visione'.

Le dichiarazioni visive possono essere brevi e concise o lunghe e prolisse.


Quando le aziende escogitano dichiarazioni di visione, di solito scelgono il primo. Ad esempio, la dichiarazione della visione di Microsoft a un certo punto è stata: 'Un computer su ogni scrivania e in ogni casa; tutti eseguono software Microsoft. '

John F. Kennedy ha presentato una visione più lunga per il programma spaziale in il suo discorso alla Rice University nel 1962. Non ha solo annunciato un obiettivo concreto (andare sulla luna), ma ha dipinto un'immagine di un paese che era profondamente interessato ai misteri dell'universo e dedito all'uso del progresso tecnologico per ascendere a un futuro più luminoso.


Quando ti viene in mente la tua dichiarazione personale sulla visione, può essere qualcosa di breve come 'Sarò fisicamente forte e abilmente capace in tutti gli aspetti della mia vita in modo da poter migliorare la vita della mia famiglia e di tutti quelli che incontro . ' Oppure può estendersi su diverse pagine in cui descrivi in ​​dettaglio come appare e come si sente la tua vita ideale.

Che siano brevi o lunghe, ciò che tutte le dichiarazioni di visione hanno in comune è che descrivono Come sarebbe una vita ideale.


I vantaggi di concentrarsi sulle visioni anziché sugli obiettivi

Avere obiettivi o una visione non è una proposta o una proposta: dovresti avere entrambi. Ma ci sono alcuni motivi per cui dovresti concentrarti maggiormente sulla tua visione che sui tuoi obiettivi individuali:

Gli obiettivi mancano di un significato più profondo; Una visione fornisce scopo e significato

Amo gli obiettivi. Ogni volta che mi pongo degli obiettivi, faccio progressi misurabili nella mia vita. Ma qualcosa che ho notato è che quando divento pure obiettivo focalizzato, le cose nella mia vita iniziano effettivamente a sentirsi fuori. Quando incorporo i miei obiettivi in ​​una visione globale, tuttavia, inizio costantemente a creare progetti più duraturi e significativo progresso.

Gli obiettivi sono ottimi per dirti COSA fare, ma non forniscono un PERCHÉ. Di per sé, gli obiettivi non forniscono alcun significato. Se hai mai raggiunto un obiettivo significativo nella tua vita, ma ti sei sentito sorprendentemente vuoto, questo è il motivo.

Ecco un esempio tratto dalla mia vita: quando ho iniziato la facoltà di giurisprudenza, il mio obiettivo era quello di diventare lo studente con il miglior punteggio della mia classe il primo semestre. Sono stato consumato da questo obiettivo. L'estate prima ancora di iniziare la facoltà di giurisprudenza, leggevo guide di studio sui miei corsi del primo semestre, seguivo programmi autodiretti su come scrivere le risposte alle domande degli esami di giurisprudenza e persino facendo flash card. Quando il semestre è iniziato, mi sono attenuta a un rigido programma di studio che iniziava alle 7:00 e spesso terminava alle 20:00. I fine settimana venivano spesso spesi studiando e lavorando.

E tutto il duro lavoro è stato ripagato - ho preso tutte le A e una A - nelle mie lezioni autunnali. All'inizio del secondo semestre dovevamo andare alla reception per scoprire qual era il nostro grado di classe. Per questo A- sapevo che c'era una possibilità che non sarei stato il primo. Ero nervoso mentre tutti uscivano quando ero in fila aspettando il mio turno per vedere se avessi raggiunto il mio obiettivo. Il mio cuore batteva forte e i miei palmi sudavano. Quando sono arrivato alla finestra, ho detto alla segretaria il mio nome, lei ha scritto un numero su un pezzo di carta piegato e lo ha fatto scivolare sul bancone. L'ho portato in una piccola enclave in modo da poterlo aprire in privacy.

Quando ho visto che non c'era nessuno in giro, ho aperto il foglietto.

#uno

L'avevo fatto!

Eppure la cosa che ricordo di più di quel momento è quanto mi sentissi davvero poco eccitato. Avevo raggiunto questa cosa per cui avevo lavorato innumerevoli ore ed ero completamente deluso. In realtà è stata una grande delusione.

Quando ripenso all'esperienza, il motivo per cui sono rimasto sorprendentemente deluso dopo aver raggiunto questo obiettivo tanto ricercato era che non era attaccato a una visione più profonda e significativa. Se avessi chiesto a 1L Brett perché stava lavorando così duramente per essere il primo della sua classe, avrebbe detto qualcosa di un po 'vago come: 'Così posso ottenere uno stage presso le migliori aziende della città e ottenere un lavoro ben pagato dopo scuola di legge.' La realtà era che non avevo idea del PERCHÉ volevo essere il primo. Non avevo nemmeno una ragione significativa per cui ero alla scuola di legge. Mi ero iscritto semplicemente perché sembrava il prossimo passo nella scala della mia vita. Non ero nemmeno sicuro di voler diventare un avvocato.

Essere il primo della mia classe, per non parlare della scuola di legge, era quindi disconnesso da una visione più ampia e significativa per la mia vita. Di conseguenza, quando ho raggiunto l'obiettivo mi è sembrato del tutto insignificante.

Ancora una volta, gli obiettivi sono ottimi per fornire risultati specifici a cui tendere, ma di per sé non possono fornire un significato. Gli obiettivi non possono dirti PERCHÉ stai facendo qualcosa. Ti dicono solo COSA fare. Se hai raggiunto un obiettivo dopo l'altro nella tua vita, ma ti senti ancora vuoto, è probabile che tu abbia fatto degli obiettivi il fine in sé e per sé e non hai un quadro generale più significativo del motivo per cui stai lavorando quei mezzi - non hai una visione per la tua vita.

Perché stai cercando di perdere peso? Solo perché vuoi ridurre il tuo istinto o perché vuoi essere in grado di farlo rozzo con i tuoi figli ed essere in giro per loro per molto tempo? Perché vuoi avviare la tua attività? Semplicemente perché il tuo attuale capo ti infastidisce o perché vuoi essere indipendente e impostare il tuo percorso professionale? Perché vuoi leggere più libri? È solo perché hai la vaga idea che fanno bene al tuo cervello o perché vuoi imparare il più possibile prima di morire?

Una volta collegati i tuoi obiettivi a una visione globale, diventano più soddisfacenti sia da raggiungere che da perseguire.

Gli obiettivi possono causare una determinazione autodistruttiva; Una visione offre spazio per l'adattabilità

Quando diventiamo eccessivamente focalizzati sugli obiettivi, può causare una determinazione che può intralciare il nostro successo e la nostra felicità a lungo termine. Chiamo questa tendenza 'blocco della porta'.

Quando imposti un obiettivo per te stesso, lo stai impostando in base alle tue attuali conoscenze sul tuo ambiente e su te stesso. Ma le cose cambiano. Forse ti rendi conto che diventare un medico non è ciò che vuoi veramente fare nella tua vita, o forse si presenta un'opportunità che non esisteva quando inizialmente ti sei posto l'obiettivo. Se sei vincolato dal blocco degli obiettivi, non sei in grado di adattarti a questi cambiamenti e finisci per rimanere su un percorso che potrebbe non portare a una vita complessivamente fiorente. Sì, la determinazione è una virtù, ma quando stai perseguendo ostinatamente l'obiettivo sbagliato diventa un vizio.

Al contrario, una visione consente l'adattabilità. Una visione fornisce un ideale e uno scopo generale nella vita, ma poi consente di orientarsi verso percorsi diversi che ti porteranno comunque nello stesso posto. Ad esempio, molte persone decidono di voler diventare un medico perché vogliono aiutare e servire gli altri. Ma ci sono altri modi per aiutare e servire gli altri che non richiedono di diventare un MD. Se hai una visione, piuttosto che un obiettivo, e dopo tutto decidi che non vuoi diventare un dottore, ti sentirai più libero di fare perno sul corso della tua vita - abbandonare la tua laurea in chimica, riprendere la storia e decidere che lo faresti piuttosto fare la differenza diventando un insegnante.

Un altro modo per vederlo è che un approccio visivo alla vita ti consente di applicare il ciclo OODA al tuo sviluppo personale come uomo. Come ricordi da il nostro articolo di approfondimento sul Loop, al suo centro è un processo decisionale che ci consente di affrontare abilmente l'incertezza. E cosa c'è di più incerto della vita stessa? Per prosperare nel nostro mondo in continua evoluzione, dobbiamo ri-orientarci costantemente con la nuova conoscenza che riceviamo su noi stessi e sul nostro ambiente. Diventare troppo focalizzati sugli obiettivi indurisce le nostre menti e ci impedisce di orientarci verso il nuovo paesaggio davanti a noi. Una vita incentrata sulla visione, d'altra parte, ti consente di rimanere agile e agile.

Gli obiettivi possono portare a depressione e angoscia; Una visione fornisce vitalità a lungo termine

Penso che la maggior parte capisca perché una vita incentrata sull'obiettivo può portare a depressione e angoscia: se non ottieni qualcosa che desideri veramente e per cui lavori, un'aspettativa non viene soddisfatta e la delusione può pungere profondamente.

Ma la cosa insidiosa di una vita focalizzata sull'obiettivo è che può portare a depressione e ansia esistenziale anche quando si fare raggiungi i tuoi obbiettivi. quando Ho parlato con il dottor Jeff Spencer, un ex atleta olimpico e attuale allenatore di atleti di livello mondiale, sui problemi psicologici che devono affrontare gli olimpionici e altri concorrenti ad alte prestazioni, ha detto che molti provano ansia dopo finalmente raggiungere un obiettivo che avevano speso tutta la vita a inseguire. Un atleta vince la medaglia d'oro, fa il tour dei media per alcune settimane quando torna a casa e forse firma un contratto di sponsorizzazione. Ma poi le cose si calmano e si instaura un malessere deprimente. L'atleta si chiede: 'Ora cosa faccio con me stesso?' Senza un obiettivo singolare davanti a lui, si sente completamente disarmato.

Come mi ha detto il dottor Spencer, per l'atleta focalizzato sull'obiettivo, i semi della sua distruzione sono cuciti nel suo successo. Molti semplicemente smettono di allenarsi per il loro sport. Si ritirano. Altri che continuano lo fanno con poco cuore. Iniziano a sorgere problemi personali; alcuni si dedicano a feste e spese eccessive, mentre altri sono coinvolti in relazioni extraconiugali.

Ma alcuni atleti ad alte prestazioni che raggiungono i loro obiettivi sono in grado di continuare a lavorare e ad esibirsi con la stessa intensità e motivazione che avevano quando hanno iniziato lo sport. Inoltre, sono in grado di evitare molti dei comportamenti autodistruttivi che hanno un grande successo. Quando ho chiesto al dottor Spencer come facevano questi atleti, ha detto che avevano un visione per tutta la vita.

Per questi atleti, vincere la medaglia d'oro o diventare un MVP non era il fine in sé e per sé. Questi obiettivi erano semplicemente modi per misurare come stavano progredendo verso la loro visione generale - una visione che potrebbe includere il raggiungimento del loro pieno potenziale, essere coinvolti il ​​più a lungo possibile nello sport che amano, padroneggiarne appieno le abilità e le conoscenze, usando il loro atletico successo come piattaforma per diventare influenti negli affari, nella politica o nel lavoro di beneficenza, diventare un allenatore e così via. Poiché avevano una visione più ampia di ciò che stavano cercando di ottenere, sono stati in grado di evitare i funk che vengono quando non riesci o addirittura raggiungi i tuoi obiettivi.

Faremmo bene a imparare da questi resistenti olimpionici. Gli obiettivi sono utili, ma quando ci concentriamo troppo su di essi possono distruggerci anche se ci riusciamo. Una visione, d'altra parte, fornisce un ideale a cui continuare a mirare anche quando hai completato un obiettivo. Mentre gli obiettivi possono fornire una direzione a breve termine, una visione è ciò che ti farà andare avanti per il lungo periodo.

Non confondere lo strumento per il progetto

Ancora una volta, questo non è un limite agli obiettivi. Amo gli obiettivi e penso che siano estremamente utili per creare una vita che desideriamo per noi stessi. Sto semplicemente sostenendo che se vogliamo davvero vivere una vita fiorente, dobbiamo concentrarci sulla visione e mettere i nostri obiettivi nel contesto di quella visione.

Se siamo gli artigiani delle nostre vite, pensa agli obiettivi come a uno strumento (uno dei tanti a tua disposizione) e la visione della tua vita come modello. Sarebbe sciocco per un artigiano aspettarsi che semplicemente mettendo il suo scalpello sul legno, apparirà un bellissimo capolavoro. Ha bisogno di un piano, un progetto, uno schizzo approssimativo di come vuole che sia la cosa.

Come è con l'artigiano, così è con noi.

Gli obiettivi sono strumenti fantastici per lo sviluppo personale e professionale, ma se ci aspettiamo che la semplice definizione degli obiettivi conduca a una vita fiorente, rimarremo molto delusi. Dobbiamo creare una visione ricca e convincente di dove vogliamo andare e di chi vogliamo essere al fine di fornire un contesto vitale e un significato ai nostri obiettivi.

Quindi ecco una sfida per il 2016: sì, stabilisci degli obiettivi, ma rendili parte di una visione onnicomprensiva della tua vita. Come vorresti che la tua vita si senta, apparisse e fosse all'inizio del 2017? Una volta che lo sai, crea obiettivi (o forse anche sbarazzarsi di alcuni) che avvicinerà la tua realtà in linea con quell'ideale. Prometto che mentre lo fai, scoprirai che la tua vita sarà piena di meno angoscia, più significato e la profonda soddisfazione che deriva dallo sforzo di 'diventa chi sei. '