Manvotional: la tua istruzione non finisce il giorno della laurea

{h1}

'A scuola e fuori scuola'
A partire dal L'uomo di successo nelle sue molteplici relazioni con la vita, 1886
Di J. Clinton Ransom

Il giorno della laurea è una grande svolta nella vita dei nostri giovani. Fin dall'infanzia sono stati ai loro libri ed esercizi. Hanno proseguito gli studi con instancabile diligenza e hanno superato molti gradi di promozione fino all'ultimo traguardo della loro vita scolastica. Sono stati riempiti e dosati di lingua, numeri, scienza e letteratura finché non sono felici di scrollarsi di dosso l'incubo del lavoro scolastico e di entrare nella vita con alcuni dei diritti e dei privilegi dei cittadini nati liberi. Genitori affettuosi e amici ammirati parlano dell'istruzione finita, e quando il grande giorno della laurea è finito, gli studenti di ieri diventano gli oziosi intellettuali di domani. I ragazzi vanno alla loro vocazione, le ragazze all'ozio della vita familiare o alle frivolezze della società, ma nessuno dei due studia più. Hanno fatto i loro libri, ricevuto i loro diplomi e hanno finito con la loro istruzione. Raramente in età avanzata i “laureati” ritornano agli studi della loro giovinezza. Ancora più raramente continuano i loro studi, dopo che gli ultimi mazzi sono caduti intorno agli incipienti oratori del giorno dell'inizio. Sembra che ci sia un eccesso di lavoro intellettuale a scuola e quasi una totale assenza di esso fuori dalla scuola.


Questa tendenza, pensiamo, è completamente sbagliata e fa molto per portare discredito al nostro attuale sistema di istruzione. Attualmente c'è un urgente bisogno di attività intellettuale nelle nostre case americane. E con questo intendo qualcosa di più che leggere romanzi e giornali, riviste e racconti. Questi possono avere il loro posto e un uso appropriato; ma sono paboli molto poveri per nutrire la propria vita intellettuale. C'è bisogno della continuazione degli studi dei nostri giorni di scuola. Se lo studio dei libri è utile prima della laurea, lo sarà anche dopo. Se questa settimana l'economia politica, la botanica e la storia hanno un effetto salutare sulla mente e sulla vita dello studente, avranno lo stesso effetto su di lui nelle mutate condizioni della prossima settimana o del prossimo anno. Se il lavoro dell'ultimo anno è stata la parte più piacevole e interessante della tua carriera educativa, le stesse delizie non potrebbero essere prolungate indefinitamente negli anni che passano? Se la ricerca della conoscenza ha avuto un fascino per te sotto la guida dell'ispirazione del grande uomo che rispetti come insegnante, possono esserlo meno quando ti è permesso di vagare a tuo piacimento nelle ricche regioni della conoscenza al di là di te?

La laurea non è che una linea immaginaria che non dovrebbe essere considerata in alcun senso come un confine. Dovrebbe essere solo l'inizio di una vita dedicata a piacevoli occupazioni intellettuali. È difficile sostenere una discussione per mandare una ragazza o un ragazzo a scuola per un decennio di anni, con il fatto davanti a noi che è giustificato chiudere i suoi libri alla laurea e non riaprirli mai più. Se vale la pena studiare il latino o il greco a scuola, vale la pena seguirli dopo aver finito la scuola. Se vale la pena iniziare lo studio della storia o della letteratura, vale la pena seguirli nelle ore di svago della vita, finché non diventiamo esperti nella conoscenza e nella verità che contengono. Pensiamo che sia una sfortuna rendere il giorno della laurea un 'fin qui e non più lontano' della cultura e dei risultati letterari.


Uno dei principali risultati di una vera educazione è la coltivazione di corrette abitudini intellettuali. Tra queste vi è l'abitudine o il gusto per la lettura, che porta ad ampliare continuamente il proprio bagaglio di conoscenze e ad attraversare per sé i più deliziosi campi della letteratura. Un'altra abitudine è quella della riflessione, mediante la quale la mente assimila la sua conoscenza e cresce sempre di più con il passare degli anni. Con tali abitudini formate, la nostra educazione inizia solo il giorno della laurea. Teniamo quindi solo le chiavi che servono per aprire un vasto tesoro immagazzinato con gli accumuli di secoli.

Ma, dice uno, le nostre vite frenetiche non lasciano tempo per lo studio e la lettura. Le nostre energie sono esaurite e il nostro tempo è consumato negli strazianti compiti del lavoro quotidiano. Non abbiamo tempo per il tuo ideale di studio continuo. In risposta, devo solo indicarvi alcuni dei grandi lavoratori del mondo per dimostrare la totale falsità di una tale posizione. William Cullen Bryant ha curato per molti anni un quotidiano di New York; ma anche sotto la pressione di una così grande responsabilità riuscì a scrivere poesie ea tradurre l'Iliade di Omero in ineguagliabili versi inglesi. Il signor Gladstone è stato tre volte Primo Ministro d'Inghilterra e, con il peso dello Stato inglese su di lui, è uno dei più profondi studiosi di greco del mondo e ha pubblicato numerosi volumi scritti con la più accreditata abilità letteraria. Ogni uomo spreca più del tempo sufficiente per renderlo famoso. Mezz'ora al giorno risparmiata dai momenti sprecati della tua vita e dedicata a qualsiasi campo di indagine ti renderà padrone di esso in una dozzina di anni. Prenditi la mezz'ora che aspetti per la colazione, risparmia un'ora la sera e dedicala a un lavoro ben diretto e rimarrai stupito dei progressi che farai in un solo mese. Le conquiste di una mente ben fornita, che conosce a fondo uno o più dipartimenti della conoscenza, sono come una fortuna; vengono salvati e accumulati da lenti accrescimenti. Ampia intelligenza, solido apprendimento, ampia lettura, pensiero chiaro, sono alla portata di qualsiasi uomo che abbia la volontà e la pazienza di sfruttare al meglio le sue opportunità e dedicare un'ora di svago alla lettura e allo studio. Un uomo simile è più capace, mettilo dove vuoi. Riuscirà dove fallirà l'uomo dalla testa vuota che ha gettato i suoi libri da parte alla laurea. L'educazione della scuola dovrebbe quindi essere seguita dall'educazione degli anni maturi.