Come pianificare una fuga da un campo di prigionieri di guerra

{h1}

Nota del redattore: il seguente estratto sulla preparazione per la fuga da un campo di prigionieri di guerra è stato preso da FM 21-76: Sopravvivenza, un manuale sul campo dell'esercito pubblicato nel 1957. Notando che 'poiché le condizioni nei vari campi di prigionia differiscono, è impossibile fornire un piano di sopravvivenza specifico per ogni situazione', il testo non include suggerimenti per scavare un tunnel o saltare la tua motocicletta oltre i recinti, temo. Le informazioni invece delineano un piano su come 'mantenerti fisicamente in grado e sufficientemente attrezzato per la fuga'. Sebbene sia molto improbabile che ti ritroverai mai catturato come prigioniero di guerra, la sezione è una lettura interessante da una prospettiva storica e offre alcune ispirazioni della vita reale su 'fare il meglio di ciò che hai'.


Supponi di essere stato catturato?

Cosa succede se diventi prigioniero di guerra? Dopotutto è possibile. Isolamento, paura, lesioni: tutto lavora a favore del nemico per aumentare le possibilità di cattura, nonostante uno sforzo determinato da parte tua per evadere. La resa delle tue armi, tuttavia, non significa che perdi le tue responsabilità di soldato americano. Il Codice di condotta delle forze armate stabilisce che inizi a pianificare la tua fuga nel momento in cui sei fatto prigioniero.

La fuga è dura; farlo aderire è ancora più difficile. Richiede coraggio, astuzia e molta pianificazione, per cercare vie d'uscita, percorsi da seguire e posizione degli amici. Soprattutto, richiede resistenza fisica, resistenza che devi acquisire nelle peggiori condizioni immaginabili. L'esperienza ha dimostrato che i campi 'modello', dove le razioni sono regolari e il trattamento premuroso, sono l'eccezione. Ma a prescindere dagli estremi della tua vita come prigioniero di guerra, il tuo obiettivo dovrebbe essere lo stesso: mantenerti fisicamente in grado e sufficientemente attrezzato per la fuga.


Un piano per la sopravvivenza

Poiché le condizioni nei vari campi di prigionia differiscono, è impossibile fornire un piano di sopravvivenza specifico per ogni situazione. Ciò di cui hai bisogno è una guida che ti aiuti a pianificare per ottenere il meglio da ciò che hai. Ecco uno di questi piani che puoi ricordare con la parola S-A-T: Salva, aggiungi a, prenditi cura di.

un. Salva


Cosa puoi salvare in un campo di prigionia? Tutto - vestiti, pezzi di metallo, stoffa, carta, spago - qualsiasi cosa. Un pezzo di spago può significare successo o fallimento quando arriva il momento di scoppiare. Nascondi questi oggetti sotto il pavimento o in un buco nel terreno. Se vengono scoperti, possono sembrare innocui e poco o nulla sarà fatto per punirti.



(1) Indossa il minor numero di vestiti possibile. Salva le tue scarpe, biancheria intima, camicie, giacca e qualsiasi altro capo di abbigliamento che ti proteggerà dagli elementi quando inizi il tuo viaggio di ritorno.


(Due) Salva qualsiasi cibo non deperibile che ricevi dalla Croce Rossa o dai tuoi carcerieri. Le caramelle, ad esempio, sono utili come rapida fonte di energia quando si viaggia. Se non sono disponibili altre fonti di caramelle, Salva ogni numero di zucchero che ti viene dato dal nemico. Quando ne hai abbastanza, riducilo in caramelle dure. Salvalo finché non accumuli la tua scorta. I cibi in scatola che potresti ricevere sono ideali per la conservazione. Tuttavia, se il nemico fora le lattine per impedirti di salvarle, puoi comunque conservare questo cibo richiudendo le lattine con cera o qualche altro espediente sul campo. Potrebbe essere possibile salvare questo alimento ricucendolo e cambiando la sua forma. Altri cibi da accumulare per il giorno della tua fuga includono sugna e carne cotta, noci e pane.

(3) Salva pezzi di metallo non importa quanto possano sembrare insignificanti. Chiodi e spilli possono servire come bottoni o elementi di fissaggio. Le vecchie lattine sono ottime per coltelli improvvisati, tazze o contenitori per alimenti. Se sei abbastanza fortunato da avere una lama di rasoio, proteggila. Usalo solo per la rasatura. Elabora modi per affilarlo: strofinalo su vetro o pietra o su qualche altra superficie dura. Una rasatura pulita è un buon rialzo del morale.


(4) Salva la tua forza ma resta attivo. Una passeggiata nel complesso o un po 'di ginnastica dolce mantengono i muscoli tonici. Dormi più che puoi. Non ti riposerai molto sulla via del ritorno.

b. Aggiungere a


(1) Usa il tuo ingegno. Seleziona gli elementi di cui non puoi andare d'accordo e integrali; per esempio, le tue razioni. C'è più da mangiare, dentro e intorno al tuo complesso, di quanto pensi. Quando ti è permesso di vagare per il campeggio, cerca cibi naturali originari della zona. Se possibile, aggiungi queste radici, erbe, foglie, cortecce e insetti al tuo nascondiglio di fuga. Ti manterranno in vita quando il gioco si farà duro.

(2) Completa i tuoi vestiti in modo che gli indumenti più resistenti siano in buono stato quando scappi. Un blocco di legno e un pezzo di stoffa fanno dei buoni mocassini e salvano gli stivali. Gli stracci possono sostituire i guanti; la paglia può essere tessuta in cappelli. Non dimenticare di salvare i vestiti dai morti.


c. Prendersi cura di

Probabilmente la parte più importante di qualsiasi piano per la sopravvivenza è la fase 'prendersi cura di'. Mantieni quello che hai. Non ci sarà alcuna ristampa quando le tue scarpe si consumano o perdi la giacca. Inoltre, è più facile mantenere una buona salute che recuperarla una volta persa.

(1) Metti alcuni dei tuoi vestiti nella tua scappatoia. Guarda il resto per i primi segni di usura e riparalo con materiale improvvisato, se necessario. Un ago ricavato da una spina, un chiodo o una scheggia e infilato con un panno sciolto, può riparare un paio di pantaloni strappati. La tela di legno o il cartone legato alle suole delle scarpe le salverà dall'usura. Anche la carta sarà sufficiente come soletta di rinforzo se le tue scarpe si consumano.

(2) Una buona salute fisica è essenziale per la sopravvivenza in qualsiasi circostanza. È particolarmente importante in un campo per prigionieri di guerra dove le condizioni di vita sono affollate e cibo e riparo inadeguati. Ciò significa che devi utilizzare ogni dispositivo possibile per mantenerti in salute.

(a) Acqua e sapone sono una medicina preventiva di base; quindi tieniti pulito. Se l'acqua scarseggia, raccogli l'acqua piovana, usa la rugiada o semplicemente strofina te stesso ogni giorno con un panno o con le mani nude. Presta attenzione alle aree del tuo corpo che sono suscettibili a eruzioni cutanee e infezioni da funghi - tra le dita dei piedi, l'inguine e il cuoio capelluto.

(b) La regola della pulizia si applica anche ai vostri vestiti. Usa acqua e sapone quando puoi risparmiarlo. Appendi i vestiti al sole all'aria se acqua e sapone non sono disponibili. Esamina frequentemente le cuciture dei tuoi vestiti e le parti pelose del tuo corpo per i pidocchi e le loro uova. I pidocchi infetti da malattie possono uccidere. Un modo possibile per ottenere il servizio di lavanderia o anche un bagno è dire alla tua guardia che sei infestato dai pidocchi, indipendentemente dal fatto che la tua lamentela sia vera o meno. Le autorità carcerarie, temendo che i pidocchi sui prigionieri possano causare un focolaio di malattie trasmesse dai pidocchi tra la popolazione civile, potrebbero fornire questo servizio.

(c) In caso di malattia, segnalare la propria condizione alle autorità del campo. Vale la pena provare la possibilità di ricevere aiuto.