Episodio 4: Man Stories con Dan Kern

{h1}


disponibile su cucitrice

logo-soundcloud


pocketcasts

podcast-google-play




Ascolta l'episodio in una pagina separata.


Scarica questo episodio.

Iscriviti al podcast nel lettore multimediale di tua scelta.


Leggi la trascrizione

Brett McKay: Brett McKay qui, e benvenuto a un'altra edizione del podcast The Art of Maniness. E questa settimana, torniamo alla nostra serie chiamata Man Stories in cui intervistiamo un gentiluomo diverso ogni due settimane e gli chiediamo cosa significa per lui essere un uomo. E questa settimana, il nostro ospite è Dan Kern. Dan, benvenuto allo spettacolo.

Dan Kern: Grazie, Brett. Sono così entusiasta di essere qui. Questo è fantastico.


Brett McKay: Fantastico. Bene, Dan, prenditi qualche minuto per presentarti. Fateci sapere di voi.

Dan Kern: Va bene. Bene, come hai detto tu, il mio nome è Dan Kern. Vengo da un background di radio e televisione, ho lavorato per 22 anni in quel settore. Ho anche lavorato nel cinema e nel teatro e nella produzione, ho lavorato per sei anni come fotografo professionista, ho fotografato attori, ho recitato da solo, e in questi giorni mi guadagno da vivere come doppiatore, leggo spot radiofonici e televisivi e leggo documentari eccetera, e questo mi lascia libero di scrivere per la maggior parte dei miei giorni, lavoro su romanzi, racconti, saggi e cose del genere.


Brett McKay: Wow. Quindi hai fatto tutto?

Dan Kern: Beh, ho fatto molto, sì, non direi certamente tutto, ma è piuttosto interessante, perché mi ha dato dove sono ora nella mia carriera, e mi ha dato una grande opportunità per scegliere e scegli le abilità che voglio usare e poi, ovviamente, quelle di cui non ho più bisogno, posso semplicemente lasciarle stare, sai, a bordo campo. Sono lì quando ne ho bisogno, ma, sì, sono un ragazzo piuttosto fortunato in questo senso.

Brett McKay: Da dove vieni, Dan?

Dan Kern: Sono a Winnipeg, in Canada.

Brett McKay: Oh grande.

Dan Kern: Siamo proprio al centro del continente in realtà, quasi al centro, a livello est-ovest, e poi più o meno anche a sud, quindi, sì, proprio nel mezzo della massa continentale, è dove mi troverai

Brett McKay: Grande. E hai qualche famiglia, Dan?

Dan Kern: Sì, sì, ho - io ovviamente - mamma e papà, tre sorelle. Ho una moglie e non stiamo più insieme, ma le parlo ancora e siamo grandi amici e basta. No bambini.

Brett McKay: Fantastico, fantastico, fantastico. Bene, Dan, quindi sei pronto per iniziare con le domande?

Dan Kern: Ci puoi scommettere.

Brett McKay: Tutto ok. Allora, Dan, quando ti senti come se fossi diventato un uomo?

Dan Kern: Be ', alcuni dicono che non l'ho ancora fatto, e lo trovo divertente. Penso che una delle cose su cui ho preso una decisione nella mia vita all'inizio fosse quella di non avere figli, e quindi penso di aver vissuto di più nella mia vita. Oggi ho 45 anni. Non oggi, non è il mio compleanno, ma ho 45 anni. Penso che senza avere figli ti perdi molte delle pietre miliari che ti dicono che sei diventato un uomo. Quindi in un certo senso - devi trovarlo in altri modi, e ovviamente, voglio dire, sono maturato nel corso degli anni, e lo faccio, sai, sono un uomo ovviamente, ma penso che mi ha colpito un paio di anni fa, quando qualcuno è venuto da me all'improvviso, qualcuno con cui avevo lavorato come una sorta di coaching, e mi hanno detto, potresti non essere pronto per questo, ma sei il mio mentore, e in un certo senso avevo quella piccola specie di epifania, quella specie di separare le nuvole ho realizzato, oh, mio ​​... immagino di essere un uomo ora, sai, quindi è stato un po 'quel piccolo momento.

Brett McKay: Quel momento in cui qualcuno ti ha chiesto di essere un mentore. Era un mentore professionista o era solo più personale o ...?

Dan Kern: Penso che fosse un po 'entrambe le cose, sai, ma, sì, certamente era professionale, voglio dire, una delle cose che ho sempre fatto con la mia carriera è che ho condiviso apertamente con gli altri che stanno solo ottenendo nelle aziende in cui ho lavorato, e sono sempre stato una persona a porte aperte, e se hanno domande a, sai, per favore chiama, ma, sì, così quel mantello che indossano quel giorno, questo mi ha fatto sentire come se fossi un uomo.

Brett McKay: È fantastico. Parliamo molto di mentoring sul sito, di com'è --- sai, quando sei una persona anziana prenditi il ​​tempo per fare da mentore ai più giovani, perché non solo questo aiuta la persona più giovane, sai, a capire meglio, ma penso ci sono molti vantaggi che anche noi uomini otteniamo dal tutoraggio. E oltre a questo, epifania che ti senti come se fossi diventato un uomo, ci sono stati altri benefici che hai ottenuto dalla relazione di mentoring?

Dan Kern: Oh, accidenti, è infinito, e penso che la persona che fa effettivamente il mentoring sia in realtà il più grande benefattore di quel processo. Penso che la persona che sta imparando sia ovviamente ciò che ne ricava, ma niente affina le tue abilità e il tuo ingegno su di te più che essere messo alla prova e quando qualcuno ti fa una domanda su qualcosa che hai fatto , ti rende davvero affilato. Ti ispira e ti dà energia. So che per un po 'di tempo stavo frequentando alcune persone che erano molto più giovani di me a livello professionale, stavamo lavorando su alcuni film insieme, e la loro energia era così contagiosa, e sono uscito da quell'esperienza pensando , sai, non ero… scusa, non sono stati loro a beneficiarne, lo ero. E questo perché mi sono reso disponibile in un ruolo di mentore. Quindi è una vittoria, una vittoria, una vittoria.

Brett McKay: Decisamente. D'accordo, Dan, cosa significa per te la virilità?

Dan Kern: Questo è divertente in realtà perché è così che ho trovato il sito, L'arte della virilità. In realtà stavo facendo una ricerca, una ricerca generale tramite Google su quell'argomento che stavo ricercando per uno dei miei romanzi perché uno dei miei personaggi deve passare attraverso quella stessa domanda e porre quella stessa domanda, e all'improvviso mi sono imbattuto in questo sito e io ero tipo, oh mio Dio, guarda questo. Quindi, penso di rispondere ancora a questa domanda e forse questo è uno dei motivi per cui scrivo, e soprattutto scelgo il tema e poi scrivo nei miei romanzi, sai, cosa significa? Quindi non sto cercando di darti davvero brevemente quello che penso significhi per me. Penso che significhi capacità. Un uomo è qualcuno che è capace e usa la sua forza, la sua abilità e il suo intelletto a tal fine. Penso che essere un uomo significhi trattare gli altri con rispetto, e penso che lo diventi davvero specialmente con le donne, e penso anche che essere un uomo sia tutto basato sulla carità, e, sì, quindi penso che sia per questo che sono a, a almeno a questo punto della mia vita. Non so chiedermelo tra 10 anni, potrei avere un diverso insieme di risposte.

Brett McKay: Sì, penso che forse dopo aver scritto anche il tuo romanzo potresti avere una serie diversa di risposte. Fantastico. D'accordo, Dan. Quali uomini, sai, vivi, morti, immaginari, hanno influenzato le tue opinioni sulla virilità?

Dan Kern: Beh, sono cresciuto nei media dell'intrattenimento, quindi tendo a guardare quelle persone, immagino, forse, e alcuni potrebbero dire che è un po 'superficiale, ma penso che se dovessi indicare l'uomo per eccellenza in questi giorni, Devo dire che probabilmente è Brad Pitt. E non è solo per i film in cui è stato, ma è anche per quello che sta facendo della sua vita, voglio dire, sta prendendo la sua fama e i suoi soldi ovviamente e li sta usando per buoni fini, voglio dire, lui sta facendo delle cose davvero onorevoli, credo, all'indomani dell'uragano Katrina, e ci sono altre questioni e cose in cui è coinvolto in tutto il mondo. E penso che sia proprio così ... Non voglio usare la parola adorazione, sai, perché non è proprio così, ma penso solo che sia così ammirevole che lo stia facendo, e intendo non menzionarlo anche , Voglio dire, è un ragazzo fantastico.

Guardo anche a George Clooney. Penso che faccia lo stesso, sai, ragazzi come Robert Redford e Richard Gere hanno in qualche modo dato il loro tempo, talento e denaro a cause meritevoli. C'è un presidente americano di cui sono abbastanza innamorato in questi giorni, so che sta invecchiando. Non vedo l'ora che arrivi il giorno in cui non sarà più con noi, ma quello è Jimmy Carter. E so che è stato in qualche modo biasimato in quest'ultimo periodo per alcune cose che ha detto, ma sai, ecco un ex presidente degli Stati Uniti d'America che va ad aiutare a costruire case per i senzatetto e io sono semplicemente stupito. Quindi, sì, penso che sia uno. C'è un autore a cui sono molto affezionato. Il suo nome è Paulo Coelho e Leonardo da Vinci.

Brett McKay: Si.

Dan Kern: Non lo so. Ha solo… Ho letto una biografia su di lui qualche tempo fa, e sai, ed era davvero appassionato di cucina, sai, ha inventato una ricetta per la zuppa di minestrone che funziona anche oggi.

Brett McKay: È giusto?

Dan Kern: Si. E lui è solo… Non conosco uno di quei tipi strani a cui piace, sai, solo wow, come se sarebbe stato davvero divertente incontrarlo.

Brett McKay: Sì, sai, è la quintessenza dell'Uomo del Rinascimento e ne abbiamo scritto parecchio sul sito.

Dan Kern: Si Credo di si.

Brett McKay: Molto bene. D'accordo, Dan, in che modo tuo padre ha influenzato la tua concezione della virilità?

Dan Kern: Mio padre è uno di quei ragazzi che non dice molto subito, quindi è davvero paziente, uno di quelli che sono lenti alla rabbia, lenti a parlare tipo di ragazzi, e quindi è un po '... lui è ancora vivo, compirà 75 anni a dicembre e in realtà è un vero esperto di Google Earth. Mi mostra cose lì che vorrei, sai, è come se l'avessi trovato? Ma lui è uno di questi ragazzi che mi ha mostrato molto silenziosamente nel corso della mia vita, sai, un po 'il modo di essere un uomo, e ne sono semplicemente in soggezione.

Brett McKay: C'è qualcosa di particolare che ricordi?

Dan Kern: Sai che sono le cose che non ricordo, penso che mi stiano tornando in mente adesso, sai, come ricordo quando non si arrabbiava quando avevo fatto qualcosa. E ricordo quando non ha fatto qualcosa che tutti si aspettavano che facesse, che sarebbe stata la via più facile. E quelle cose ora, mentre contemplo i personaggi nelle mie storie, mi stanno schiaffeggiando come un'onda, come un'onda nell'oceano, e in alcuni casi mi fanno semplicemente rotolare. È stata solo una di quelle scoperte davvero meravigliose di tipo quasi spirituale.

Brett McKay: Dan, hai detto che tuo padre è molto utile con Google Earth, ma c'è un'altra abilità che tuo padre ha che vorresti poter fare?

Dan Kern: Sì. Ed è un po 'un peccato. Penso di essere un po 'un peccato per lui, forse anche per i meccanici. Accidenti, sono pessimo quando si tratta di riparare le auto o non posso nemmeno cambiare l'olio, e so che ci sono molti tuoi lettori in questo momento che stanno ascoltando il podcast che potrebbero fare tsk, tsk, tsk a me a me , ma mio padre è uno di quei ragazzi in cui non solo è davvero bravo con gli strumenti, ma ha anche quell'intuizione, sai, può più o meno, sai, ci sono come sussurri di cavalli e sussurri di cani, è una specie di come il sussurro di una macchina, sai, può ascoltare una macchina e guidare e in un certo senso sa cosa c'è che non va, e io non ho niente di tutto ciò. Non ho ereditato niente di tutto questo da lui.

Brett McKay: Hai il desiderio di imparare quelle cose o semplicemente ...?

Dan Kern: No. No, non so cosa sia. È come se fossi cresciuto come artista, e ho mani piuttosto adorabili, che sono già state presenti nei poster. Ho lavorato come modella manuale, e non so tutta la faccenda di sporcarmi le mani con olio e grasso e cose del genere e tagliarle, voglio dire perché sono innamorato del romanticismo di quel pensiero, ma non lo farei non voglio essere coinvolto nel fare da solo, quindi. Penso che lascerò la riparazione delle auto a mio padre.

Brett McKay: Tutto ok. Dan, qual è la cosa più difficile che tu abbia mai fatto come uomo, sia emotivamente che fisicamente o spiritualmente?

Dan Kern: Devo dire che licenzia qualcuno. Ero… negli anni '90, mi sono ritrovato come direttore generale di due stazioni radio nella provincia del Saskatchewan qui in Canada, ed ero diventato un buon amico con il ragazzo mattiniero, il ragazzo che ha fatto il programma radiofonico mattutino, e semplicemente non funzionava e sapevo che dovevo licenziarlo. Uno dei migliori consigli che mi è stato dato è stato, nel momento in cui sai che pensi di dover licenziare qualcuno, fallo il minuto successivo, ma non farlo di venerdì perché poi se ne preoccupano per tutto il fine settimana, fallo di lunedì.

E così ho dovuto prendere tutto questo, analizzarlo e fare un piano di gioco, e più ci pensavo, ovviamente, più mi ammalavo. E così ho detto a mia moglie in quel momento, ho detto, sai, questo era di venerdì e sapevo che il lunedì avrei dovuto fare questa cosa, quest'azione, e ho detto a mia moglie, ho detto andiamo fuori città, andiamo e lei dice dove, e io ho detto che non mi interessa, semplicemente non voglio essere in città, non voglio incontrarli in un negozio di alimentari o al cinema teatro qualcosa del genere, e lei ha detto, okay.

E così sono andato e, naturalmente, ci ho pensato tutto il fine settimana. E quando sono tornato lunedì, dopo lo spettacolo, l'ho chiamato nel mio ufficio e gli ho detto che dovevo lasciarti andare. Ed è rimasto in silenzio per circa un minuto, e io stavo solo agitando dentro, e lui mi ha guardato e ha detto, non sono abbastanza sicuro di come ringraziarti, ma non ero sicuro di come fare per smettere e ora , sai, non devo. E quindi era tutto inutile, tutta quella orribile preoccupazione, ma questa è solo la cosa che penso era che per me era che mi rendevo conto che avrei incasinato i mezzi di sussistenza di un altro uomo, con la sua famiglia, con il suo futuro, con tutto, e io volevo solo che andasse tutto bene. Quindi questa è stata la cosa più difficile per me.

Brett McKay: E pensi che se dovessi farlo di nuovo, sarebbe altrettanto difficile o ...?

Dan Kern: Non credo che diventi mai facile. Penso che per chiunque sia mai stato licenziato, sai, e ripensa al loro capo e pensa pensieri cattivi, penso che quelle persone abbiano davvero bisogno di sapere che a meno che tu non sia stato effettivamente sulla sedia e abbia sparato, tu non ho idea di cosa ci vuole.

Brett McKay: Si si. Bene, Dan, grazie per aver dedicato del tempo a parlare con noi oggi.

Dan Kern: Bene, i miei ringraziamenti anche a te, e voglio solo porgere le mie congratulazioni per il tuo sito web di successo, è come oltre 50.000 abbonati RSS, il lancio del tuo libro. Sto aspettando i miei libri dalla mia libreria locale perché è quello che faccio, sostengo la mia libreria locale, e loro non sono ancora in Canada, i tuoi podcast ed ecco il tuo futuro impero mediatico, Brett, penso che tu sia fantastico, e grazie per aver fatto quello che stai facendo.

Brett McKay: Grazie Dan, lo apprezzo davvero.

Brett McKay: E questo conclude questa edizione del podcast The Art of Maniness. Assicurati di controllare di nuovo sul sito web di The Art of Manliness all'indirizzo www.artofmanliness.com per suggerimenti e consigli più virili e fino alla prossima settimana, rimani virile.